Area Integrazione

Progetto "Valorizzazione dell'Integrazione"

Per l'integrazione scolastica degli alunni diversamente abili

Il progetto si sviluppa in un momento molto particolare in cui il distanziamento sociale e le norme indispensabili a contenere la pandemia si scontrano duramente con il concetto stesso di inclusione e con i presupposti necessari per attuarla e renderla veramente efficace.  
I presupposti del progetto rimangono gli stessi: la considerazione dell’unicità di ogni allievo, nell’ottica di valorizzare le differenze, pensando ad esse come ad una risorsa. 
La semplice accettazione dell’alunno speciale non è sufficiente ad includerlo veramente. Se la finalità è, quindi, l’inclusione scolastica dell’alunno, gli obiettivi generali saranno lo sviluppo delle potenzialità cognitive, la socializzazione e l’autonomia attraverso le attività ludico-espressive.
Il nostro Istituto si propone, quindi, di attuare un progetto mirato a ricevere in modo adeguato coloro che hanno bisogni educativi speciali offrendo a ciascuno una reale e fattiva integrazione. Da qui matura l’esigenza di sviluppare e approfondire progetti specifici che inseriti in un percorso scolastico possano anche diventare professionalizzanti.
A tal fine si è ricorsi alla didattica laboratoriale, anche creando laboratori virtuali nei periodi della Didattica a Distanza onde puntare all’’elaborazione tecnica dapprima e alla sperimentazione successiva, permettendo così ai ragazzi di raggiungere livelli di applicazione concreta (basilare per gli allievi che non conoscono l’astrazione), con senso di responsabilità sociale ed etica.

Orientamento in ENTRATA

Attenzione particolare sarà data al raccordo con la scuola media, garantendo e sostenendo la scelta del ragazzo, offrendogli l’opportunità di partecipare a eventuali laboratori interni già durante l’ultimo anno della scuola secondaria di I grado.
Lo scopo è proprio quello di aiutare l’allievo con iniziative didattiche, che hanno l’intenzione di facilitare l’alunno a compiere la scelta più consona alla propria personalità rispetto al percorso scolastico e formativo. La referente hc, prof.ssa Nota, si è resa disponibile a partecipare ai gruppi tecnici attivati per i ragazzi di 3^ media, con iscrizione c/o il nostro Istituto.

Come prevede la legge 104/92, la scuola opera collegialmente tessendo una rete di interventi coordinati dai docenti di sostegno presenti nella scuola coinvolgendo i docenti curriculari, gli enti locali, le famiglie, i Referenti ASL, I Servizi Sociali e i Centri di riabilitazione presenti sul territorio. 
Per fare ciò è fondamentale allora:
Favorire in tali alunni processi di apprendimento e di acquisizione di competenze;
Rimuovere le barriere di tipo fisico, psicologico e sociale, che di fatto condizionano la qualità della vita del diversamente abile;
Rendere il soggetto diversamente abile il più autonomo possibile;
Passare da un modello di crescita “protettivo” ad uno di “crescita autonoma” facendo sì che l’alunno possa sperimentare il più spesso possibile attività svolte autonomamente;
Il nostro Istituto è frequentato attualmente da 41 alunni diversamente abili, divisi tra i diversi corsi (AFM, SIA, TURISTICO, CAT, PIT) che sono seguiti dai rispettivi docenti curriculari, dal docente di sostegno sulla base delle ore assegnate e dagli educatori in relazione alle ore attribuite ogni anno dalla Città Metropolitana di Torino.

Orientamento in USCITA

Medesima attenzione è riservata ai ragazzi in uscita, proprio in considerazione del fatto che il progetto di vita continua per strade diverse, con la guida e il supporto di chi ha conosciuto i ragazzi durante i cinque anni di scuola superiore. In questo caso i percorsi possono essere di tre tipi:
Elaborazione di progetti in accordo con l’Università degli Studi di Torino per l’individuazione di tutors universitari che accolgano e seguano il ragazzo durante il primo inserimento universitario;
Contatti diretti con il nostro partner, la Casa di carità arti e mestieri di Avigliana, per l’inserimento nei corsi Pre-lavorativi;
Contatti e accompagnamento c/o il Centro per l’Impiego di Susa per attività di orientamento.

Attività di Tutoring

Il Progetto è rivolto a tutte le classi dove sono presenti alunni div. abili certificati ed affiancati dagli insegnanti di sostegno, come previsto dalla normativa vigente. Può essere altresì allargato ai Laboratori attivati come ore di Attività Alternativa alla religione Cattolica, laddove i ragazzi coinvolti collaborino ed aiutino i ragazzi div. abili eventualmente partecipanti al laboratorio stesso. 
Si definisce TUTOR chi offre aiuto nei confronti di chi è in difficoltà o che comunque manifesta la necessità di essere supportato, mentre si definisce TUTORATO il ragazzo diversamente abile.
In questo processo di mutuo aiuto e supporto reciproco i ragazzi imparano una serie di abilità di relazione, sviluppano le loro abilità cognitive e acquisiscono nuove conoscenze. Da quest’anno, per coloro che manterranno l’impegno di cooperazione con i Laboratori o all’interno delle varie classi, oltre al credito formativo e/o all’’attestazione finale del lavoro svolto è prevista anche la possibilità che il docente di sostegno attribuisca un voto di Ed. Civica.

Attività di PCTO

Sono state previste attività di PCTO che hanno coinvolto anche i ragazzi con valutazione differenziata che hanno svolto ore c/o la Biblioteca civica del Comune di Avigliana 

ITCG G. Galilei

Avigliana (TO) - Italy

Contatti Istituto

+ (39) 011 932 8042
Via G.B. Nicol, 35 - Avigliana (TO)